Cominciamo da me

Si dice che prima di tutto è buona educazione presentarsi. Perciò, eccomi qui. Direi che è arrivato il momento di cominciare. Sì, cominciamo da me: sono nata a Roma nel 1975, ho sempre vissuto qui e pur viaggiando spesso per piacere o per lavoro, alla fine ho sempre sentito il bisogno di tornare nella mia città per la quale nutro un amore sconfinato, nonostante la sua attuale situazione di precarietà e degrado. 

Ho iniziato ancor prima di parlare a disegnare e poi a scrivere. Davo vita così a tutte le mie invenzioni, ai giochi, le storie e le avventure che vivevo nella mia fantasia. 

Crescendo, come tutti, ho fatto i conti con la realtà e pur coltivando sempre il sogno di procurarmi da vivere semplicemente scrivendo, mi sono dedicata ad altro, tenendo aperte le porte della praticità e della concretezza.

Dopo il diploma di operatore turistico e uno stage in agenzia, ho lavorato come segretaria, pagandomi da sola gli studi in Scienze Politiche. Laureata, con una tesi vincitrice del premio "Cento tesi per l'Europa", ho fatto un Master in Comunicazione e Marketing alla fine del quale ho iniziato a lavorare come addetto stampa per il Comitato Regionale Lazio della Federazione Italiana Nuoto. Con la F.I.N. ho collaborato per 5 lunghi anni durante i quali ho scritto per molte testate giornalistiche fra cui il Corriere Laziale, FuoriCampo, RomaReporter, FunWeek, LifeGuard e successivamente con Attualità.it di Salvatore Veltri.

In quegli anni ho iniziato a scrivere i miei primi racconti "fuori le righe" senza mai abbandonare la passione per la poesia riuscendo anche ad arrivare quinta alla prima edizione del premio letterario "Angela Starace" con la poesia "Fotogrammi" che diede anche il titolo alla mia prima raccolta di poesie nel 2001.

Arrivó poi inaspettata un'altra preziosa collaborazione, stavolta come scrittrice e curatrice di testi destinati alla formazione dei dipendenti, con l'agenzia di assicurazioni "Fusion Group", società del gruppo Uniqa Assicurazioni, con la quale ho scritto la mia prima favola: "L'albero della Vita", vincitrice del premio IDA - Innovazione d'Agenzia - nel 2009.

E poi... come questa magica e eterna città che amo alla follia, anche il mio beneamato percorso pressoché "artistico" ha subito la sua fase di precarietà e di degrado. 

La Federazione non ha più potuto elargirmi stipendio, la Fusion si è trasferita ad Anzio, dove non era più necessaria la mia collaborazione e le testate giornalistiche non erano propense a pagare per i miei articoli (in fondo non avevano mai pagato, perché cominciare allora?). 

Cosi, senza perdermi d'animo, avendo da pensare anzitutto a 'sopravvivere', ho ricominciato daccapo. Mi sono detta: cominciamo da me, da quello che, scrivere a parte, posso fare per vivere o meglio per sopravvivere. 

Hostess, segretaria, dattilografa, centralinista, baby sitter, operatrice telefonica e a disposizione per ripetizioni di inglese e materie umanistiche... questo e molto altro... pur di andare avanti, a testa alta, senza mai smettere di continuare anche a sognare e scrivere.

Mi sono dedicata al self publishing, ho curato la stesura della mia prima, folle, raccolta di racconti, gli stessi che iniziai durante l'inizio del mio percorso di addetto stampa. Sarei stata l'addetto stampa di me stessa e lo sono diventata. Ho pubblicato in una nuova raccolta le mie poesie e ho scritto il mio primo horror fantasy, ispirata dai disegni Burtoniani di un ragazzo folle più di me ma non altrettanto affidabile, visto che io finii il romanzo ma lui non mi consegnò mai le illustrazioni. Poco male: pubblicai lo stesso il mio libro "Sole Nero" che assieme a "Fotogrammi" e a "Il mio labirinto" va a impreziosire le mie piccole creature letterarie.

Ecco, direi che è un buon inizio.

E a conclusione di questa mia presentazione, vi inviterei, sempre se gradite, a cercare online le mie pubblicazioni. Potete fare la ricerca su Google col mio nome, i titoli dei miei libri oppure andare direttamente qui:

 

http://ilmiolibro.kataweb.it/utenti/107027/stefania-cicerchia/

 

A voi la scelta!

 

#StefaniaCicerchia#SoleNero#Fotogrammi#IlMioLabirinto#